“Aria” Contemporanea. Dal barocco all’elettronica per flauto

“Aria” Contemporanea. Dal barocco all’elettronica per flauto

 

L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono

 

Laura Faoro, flauti

Cesare Saldicco, elettronica

 

Il progetto ha debuttato per l’Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda lo scorso novembre 2017, nell’ambito del Festival “Italien musiziert” presso l’Haus der Musik im Fruchtkasten Landesmuseum Wurttemberg.

Sarà replicato presso Argelab a Milano nel gennaio 2018.

 

Sempre più spesso gli esecutori propongono repertorio barocco associato a quello contemporaneo. Ma da dove nasce questa esigenza? Una possibile risposta è l’atteggiamento: l’arte barocca è caratterizzata da un ricercare continuo, essa rifugge l’idea di forma compiuta attraverso un linguaggio che aspira alla trasformazione perenne: uno stato evolutivo molto simile all’attitudine del compositore contemporaneo. Così, accostare passato e presente, non significa solo associare participio di tempo, ma mettere in relazione due atteggiamenti simili fra loro, in termini di linguaggio, esecuzione e sperimentazione.
Protagonista della serata è il flauto – con e senza elettronica – che, alternando le articolazioni di Bach e Telemann alla scrittura di Saariaho, Rotaru e Saldicco, svela tutte le possibilità timbrico-espressive di questo strumento, confluendo nell’inedita esperienza della rilettura elettroacustica del concerto RV441 in do minore di Antonio Vivaldi.
Al contrappunto barocco e alla dialettica tra strumento e live electronics, si aggiunge un altro contrappunto, quello del repertorio: una nuova “teoria degli Affetti” (Affektenlehre) per un nuovo approccio all’ascolto, uno stimolo per conoscere e riconoscere l’arte dei suoni nel tempo e nello spazio.

 

PROGRAMMA

C. Saldicco (1976) | Spire V per flauto e supporto digitale
G. P. Telemann (1681-1767) | Fantasia n.12 per flauto solo
D. Rotaru (1951) | Japanese Garden per flauto basso ed elettronica
J. S. Bach (1685-1750) | Partita in la minore per flauto solo
K. Saariaho (1952) | NoaNoa per flauto e live electronics
A. Vivaldi (1678-1741) / C. Saldicco (1976) | Allegro non molto dal Concerto in do minore RV441, rielaborazione per flauto e live electronics

 

CESARE SALDICCO Diplomato in Pianoforte, Composizione e Musica Elettronica… www.cesaresaldicco.com

 

L'immagine può contenere: una o più persone, persone sul palco, persone sedute e spazio al chiuso

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.